1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars! (Rate it!)
Loading...

Facebook, 25.000 adesioni alla class action per la violazione della privacy
I partecipanti pretendono 500 euro ciascuno come risarcimento per le violazioni della privacy compiute dal social network.
Max Schrems è tornato alla carica contro Facebook, ma adesso ha un esercito di 25.000 persone. Se il nome di questo ormai ex-studente austriaco non vi dice niente è perché l’ultima volta che ha ricevuto notorietà internazionale è stata alla fine del 2011. Allora, Schrems aveva deciso di vedere se Facebook – o, per la precisione, la sede irlandese che ha giurisdizione per l’Europa – rispettasse le leggi sulla privacy, scoprendo che così non era. Da allora, Facebook è diventato una sorta di “nemico prescelto” per Schrems il quale, insieme ad altri due amici ha approfondito la questione a lanciato il sito Europe Versus Facebook. Oggi assistiamo al passo successivo: il lancio di una class action (cui è ancora possibile aderire) contro il social network per violazione della privacy. I 25.000 di cui parlavamo all’inizio sono le persone che già hanno aderito, ai quali – stando a quanto è riportato sul sito Europe Versus Facebook – se ne sono già aggiunte altre 20.000. Schrems e tutti gli altri partecipanti alla class action pretendono un risarcimento di 500 euro a testa, la modifica delle politiche seguite da Facebook per il trattamento dei dati personali e una maggiore trasparenza. «Ci piace lamentarci sempre dei problemi circa la protezione dei dati in Europa» – ha dichiarato Schrems – «e adesso è arrivato il momento per farci riconoscere i nostri diritti fondamentali».

, ,
Mentor

Written by Zeus

Membro orgoglioso di Dracia.com

Years Of MembershipVerified MemberContent AuthorViral InstinctStaff Website

Lascia un commento

L’ultima pagina dell’Unità

Sex toy per pedofili: cosa ne pensate?