1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars! (Rate it!)
Loading...

Un appello mette in guardia su effetti devastanti sulla pelle, ma è una bufala.
Sta circolando a livello internazionale e in varie lingue un appello che mette in guardia contro gli effetti devastanti sulla pelle di alcune note marche di shampoo.
Nella versione italiana solitamente c’è Nivea; in quella inglese c’è Dove oppure Head and Shoulders.
L’appello è accompagnato da un’immagine come quella qui accanto, che sembra mostrare una gravissima lesione cutanea, con quelli che sembrano essere vermi o larve, ed è spesso linkata a un video che promette ulteriori dettagli scioccanti.
Non cliccate sull’appello; non è soltanto una bufala, è un tentativo di infettare il vostro computer. L’immagine è un fotomontaggio, ottenuto usando il baccello dei semi del fiore di loto per simulare il bubbone.
Inoltre il video promesso dall’appello non esiste: cliccando sull’immagine si viene invece portati a un sito che mostra una finta “verifica dell’età” e poi tenta di infettare il visitatore con un malware, identificato da Sophos come Mal/FBScam-D, che è specifico per i computer che usano Windows.
Gli antivirus aggiornati dovrebbero bloccarlo, e anche i siti che ospitano il malware vengono bloccati, ma è meglio prevenire: non cedete alla tentazione di cliccare sui video-shock (i truffatori contano proprio su questo), ma bloccateli e cancellateli.
Uno degli effetti del malware è che la vittima viene indotta a condividere l’appello su Facebook, diffondendolo così agli amici e alimentandone la circolazione; lo scopo di fondo sembra essere quello di far rispondere le vittime a un questionario e di iscriverle a varie offerte commerciali, che in sé possono anche essere legittime; la truffa sta nel fatto che i criminali incassano fraudolentemente una commissione su ogni iscrizione o questionario compilato dagli utenti.
Se vi è capitato di cliccare sull’appello e di condividerlo tramite Facebook, cancellate il vostro post, avvisate gli amici e fate un controllo con un buon antivirus; guardate inoltre se nelle applicazioni di Facebook che avete autorizzato a postare per voi ci sono nomi che non riconoscete e che quindi è meglio rimuovere. Source: snopes, focus, bufale

Mentor

Written by Laura Rossi

Membro orgogliosa di Dracia.com

Years Of MembershipVerified MemberContent AuthorViral InstinctStaff WebsiteComment AddictVoterstellarEmot Addict

Lascia un commento

Selfie con iphone rubato: la foto finisce sul profilo FB della vittima

Da Agosto ritorneranno in commercio le Sigarette Caramella!