1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars! (Rate it!)
Loading...

Oltre 200 km di pista sopraelevata per regalare ai ciclisti uno spazio sicuro e libero dalle auto.
Girare in città in bicicletta è un’attività salutare ed ecologica, ma spesso anche pericolosa: far convivere in uno spazio relativamente ristretto auto, pedoni e ciclisti significa spesso doversi inventare acrobazie urbanistiche, e lo stato di molte piste ciclabili ne è la prova. Lord Norman Foster, architetto britannico, ha in mente una soluzione avveniristica per risolvere il problema a Londra: spostare le piste ciclabili nel cielo. Il progetto prende il nome di SkyCycle ed è una grande pista lunga 219 km che va dalla zona est di Londra alla Liverpool Street Station, elevandosi al di sopra delle ferrovie. Il costo stimato per la realizzazione è di 220 milioni di sterline (oltre 260 milioni di euro) e, per quanto riguarda i tempi, si parla di 20 anni, ma il risultato sarebbe un’alternativa completamente sicura per tutti coloro che desiderano muoversi in bicicletta, i quali oltretutto vedrebbero ridursi i tempi di spostamento da un capo all’altro della città di quasi mezz’ora.

«SkyCycle è una strategia laterale per trovare spazio in una città congestionata» spiega Foster. «Utilizzando i corridoi al di sopra della ferrovia suburbana, possiamo creare una rete di strade sicure e senz’auto poste in luoghi ideali per i pendolari». Secondo l’architetto britannico la realizzazione di SkyCycle, cui si potrebbe accedere tramite oltre 200 rampe, permetterebbe di raggiungere lo stesso bacino di utenza che sarebbe servito da nuove strade e tunnel, ma a un costo molto inferiore. Al momento il progetto è nella fase in cui si cercano partner interessati a supportarlo.

, , , ,
Mentor

Written by Zeus

Membro orgoglioso di Dracia.com

Years Of MembershipVerified MemberContent AuthorViral InstinctStaff Website

Lascia un commento

Ragazza uccide il padre stupratore in Uganda, sei ore di carcere

Allarme Krokodil: la nuova droga che scarnifica le persone. Primo caso in Italia.