1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars! (Rate it!)
Loading...

Si contraggono proprio come quelli umani.
Dei tanti usi che possono venire in mente pensando alle cipolle, la costruzione di muscoli artificiali è certamente il meno ovvio. Eppure un team di ricercatori dell’Università Nazionale di Taiwan ha scoperto che la cipolla, o meglio lo strato di pelle subito sottostante a quello più esterno, è ottimo per questo scopo, e ha pubblicato uno studio in merito. «Proprio come i muscoli umani, la pelle delle cipolle può piegarsi e contrarsi simultaneamente» spiega Wen-Pin Shih, che è giunto a considerare le cipolle dopo essere rimasto insoddisfatto dei tessuti artificiali realizzati con polimeri. «Un giorno ci siamo accorti che la struttura cellulare della cipolla era simile a quella che stavamo cercando di realizzare». La cipolla, invece, si comporta in modo sorprendentemente buono. I ricercatori hanno prima ottenuto un monostrato di cellule di cipolla e l’hanno immerso in un bagno di acido solforico diluito per aumentarne l’elasticità, poi lo hanno coperto con due strati di oro. Quindi vi hanno collegato un elettrodo e applicato della tensione. Se il voltaggio era basse, la pelle si piegava verso l’alto; se invece il voltaggio era più alto, allora si contraeva verso il basso. Sfruttando queste capacità gli scienziati sono riusciti a creare una specie di micro-“pinzetta”, con la quale hanno potuto afferrare con successo dei batuffoli di cotone. L’inizio è promettente, ma il lavoro da compiere è ancora lungo: «Non capiamo ancora completamente la struttura delle pareti cellulari e le proprietà che vi sono associate. Stiamo semplicemente segnalando ciò che abbiamo fatto finora per avviare uno scambio di idee» racconta Shih. Al momento i ricercatori sono al lavoro per capire come incrementare la forza e diminuire il voltaggio necessario: per ottenere 20 microNewton, infatti, ora servono 1.000 Volt.

, , ,
Mentor

Written by Zeus

Membro orgoglioso di Dracia.com

Years Of MembershipVerified MemberContent AuthorViral InstinctStaff Website

Lascia un commento

Trovato il treno d’oro

Not Safe For Work
Click to view this post

Salope