1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars! (1 votes: 5,00 of 5)
Loading...

La prof a 16enne: “Per un tema scritto bene gli facevo…”
Un’insegnante di Vicenza ha fatto sesso con un alunno 16enne per impartirgli ripetizioni di italiano. Il ragazzo ha denunciato la prof accusandola di stupro e i genitori hanno dichiarato che “è ancora molto turbato dall’accaduto”.
La professoressa al centro di uno scandalo nazionale, appunto per aver fatto sesso con un 16enne per incentivarlo a studiare, ha deciso di parlare. Ecco le sue parole: “Tra noi c’era una forte attrazione fisica. Ha solo 16 anni? Sì, ma aveva la maturità di un 25enne”.
Lisa, 31 anni, ha deciso di raccontarsi in una lunga intervista. Racconta che, dopo aver perso il lavoro, dovrà lasciare l’Italia: “Andrò a Londra o a Berlino, anche fare la cameriera mi va bene”. La domanda principale fa ovviamente riferimento allo scandalo: come è potuto accadere di finire a letto con un minorenne per motivi scolastici. Lisa ha affermato: “È stata una scelta reciproca, senza forzature, non ho violentato nessuno. Fin dalle prime lezioni mi sono resa conto che mi mangiava con gli occhi. Anche a me piaceva, così ho pensato di unire l’utile al dilettevole. Siccome non aveva voglia di studiare gli ho promesso un premio sessuale se fosse riuscito a scrivere un tema di italiano senza errori di grammatica. E premio dopo premio…”.
Quello che conta sono solo i risultati che ha conseguito lo studente dopo le ripetizioni: “È stato un modo per farlo studiare, e ci sono riuscita visto che alla fine è passato dal 4 al 7 ed è stato promosso”. Ma, alla fine, ammette: “Comunque lo so che ho sbagliato, mi sono lasciata andare. Ma è stata una cosa graduale, accompagnata e voluta da entrambi che stava tra il premio scolastico, lo scherzo e la passione. Un metodo educativo. Ma poteva succedere solo con lui”.

, , , , , , , ,
Mentor

Written by Laura Rossi

Membro orgogliosa di Dracia.com

Years Of MembershipVerified MemberContent AuthorViral InstinctStaff WebsiteComment AddictVoterstellarEmot Addict

Lascia un commento

Facebook ti rende depresso

Attentati progettati in Sardegna