Menu Scrittori

Google+

Twitter

Fans
1017
Articoli
355
Commenti
3277
Membri

Rieti, suora dà alla luce un bambino

La religiosa di un convento cittadino era arrivata in ospedale lamentando dolori addominali; poi l’ecografia e la scoperta della gravidanza.
E’ arrivata all’ospedale di Rieti lamentando forti dolori all’addome, ma uscirà presto con un bimbo da crescere.
Ha destato clamore la notizia del parto, mercoledì, di una suora di 35 anni, di nazionalità sudamericana, appartenente a un convento cittadino. Il piccolo, maschio , di 3 chili e 500 grammi, è venuto alla luce con parto naturale e sta bene.
Massimo riserbo tra il personale ospedaliero del San Camillo De Lellis sulla religiosa, arrivata al nosocomio su un’ambulanza del 118 chiamata dalle consorelle. Il medico che l’ha visitata e sottoposta a ecografia non ha avuto dubbi sullo stato avanzato di gravidanza, ignorato dalla donna per 9 lunghi mesi. Ma la notizia è comunque circolata prima tra i reparti e poi sui social network. Source: agr


Suora in ospedale per una colica, ma partorisce un bimbo
E’ una di quelle notizie che increspa la bocca in un sorriso e dà la stura a cascate di commenti. A Rieti una suora ha partorito un bimbo di 3 chili e mezzo. La religiosa, che pare sia di nazionalità ecuadoregna, si era recata all’ospedale cittadino, il San Camillo De Lellis, lamentando forti dolori. Una prima diagnosi lasciava pensare a dolori addominali da colica renale. Poi una semplice ecografia non ha potuto nascondere la verità. La suora, che si era fatta accompagnare all’ospedale reatino da alcune consorelle, era semplicemente incinta. Ecco perché, invece di far ritorno al convento di Rieti in cui dimorava, è rimasta nel nosocomio del capoluogo laziale, dove è poi avvenuto il parto.
Nonostante il riserbo tenuto dalla direzione della struttura sanitaria, come si può immaginare, la notizia del lieto ma bizzarro evento è rimbalzata sui social network, dando al bimbo un’inevitabile visibilità mediatica. Un giorno, al riparo delle luci della ribalta, il bimbo magari scoprirà di non essere certamente l’unico ad avere una madre piuttosto insolita. Poco più di due anni fa in provincia di Macerata una suora di origine africana ha partorito una figlia avuta dopo un rapporto con un prete. La religiosa ha poi abbandonato i voti e ha incominciato una lunga battaglia legale per riavere la bimba, che, non riconosciuta dal padre, era stata data in affido.
Risale, invece, a meno di due anni fa la notizia di una suora africana che in Zimbabwe è rimasta incinta dopo essersi innamorata di un fedele. Sorella Musvindire, questo il nome della religiosa, espulsa dal monastero della missione di San Giuseppe a Kezi, ha dovuto rinunciare ai voti. D’altro canto il clamore per la comunità religiosa locale era diventato insopportabile. E i dettami della religione cattolica, soprattutto quelli legati al celibato e all’astinenza dagli atti sessuali, parlano chiaro. Di lei e del frutto del suo amore proibito si sono perse le tracce.
Al di là dell’ironia che, com’è facile prevedere, pioverà su questa storia, la gravidanza di una suora resta materia di scandalo. E inevitabilmente evoca personaggi letterari: parliamo di Suor Virginia, meglio nota come la Monaca di Monza, resa indimenticabile dalle pagine de “I Promessi sposi” di Alessandro Manzoni. Il suo amore con il conte Gian Paolo Osio e la nascita di due figli le costarono, nella Lombardia del Seicento raccontata dal Manzoni, 13 anni di reclusione e isolamento in una cella. Oggi, grazie al cielo, non finirebbe così. Source: yahoo


1 Commento

Scrivi un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento. Usa il box Collegami.