Menu Scrittori

Google+

Twitter

Fans
1017
Articoli
355
Commenti
3277
Membri

Pokemon Go – Come far evolvere Eevee e tutte le sue evoluzioni: come ottenere Umbreon, Espeon, Vaporeon, Jolteon e Flareon

Come probabilmente saprete se in passato avete giocato a qualche capitolo del franchise, Eevee è un pokémon molto particolare dato che è in grado di evolversi in creature molto diverse. Tutto dipende dalla pietra che viene utilizzata ma in Pokémon GO non abbiamo a disposizione questo tipo di pietre. Come funzionano, quindi, le evoluzioni di Eevee? Inizialmente sembrava che la sua trasformazione in uno tra Vaporeon, Jolteon, Flareon, Umbreon ed Espeon fosse totalmente casuale. Esiste però un metodo per “direzionare” questa evoluzione. In questa sezione della guida vi spieghiamo anche come ottenere le evoluzioni della seconda generazione: Espeon e Umbreon. Alcuni utenti sembrano essere riusciti a condizionare l’evoluzione attraverso un piccolo trucco. Quando catturerete un Eevee o lo otterrete da un Uovo pokémon rinominatelo utilizzando uno dei seguenti nominognoli (usate anche la lettera maiuscola all’inizio):
Vaporeon: rinominate il pokémon “Rainer”
Jolteon: rinominate il pokémon “Sparky”
Flareon: rinominate il pokémon “Pyro”
Espeon: rinominate il pokémon “Sakura”
Umbreon: rinominate il pokémon “Tamao”

Ora uscite dal gioco dopo esservi assicurati di aver salvato, rientrate e procedete all’evoluzione. Sembra che il metodo funzioni e sicuramente pare una soluzione migliore dell’affidarvi completamente al caso. Tuttavia c’è una limitazione dato che il sistema funziona solo per una evoluzione per ogni tipo. Per ottenere Espeon e Umbreon ci sarebbe anche un secondo metodo legato al meccanismo del Pokémon Compagno. Camminando per almeno 10 Km e poi attivando l’evoluzione di giorno o di notte si dovrebbe ottenere rispettivamente Espeon e Umbreon. Per ora non è possibile ottenere le altre evoluzioni Glaceon, Leafeon e Sylveon dato che questi pokémon non sono ancora stati inseriti nel gioco. Via: eurogamer


Scrivi un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento. Usa il box Collegami.