Menu Scrittori

Google+

Twitter

Fans
1017
Articoli
355
Commenti
3277
Membri

Le sette meraviglie

Le sette meraviglie del mondo sono le strutture e opere architettoniche, artistiche e storiche che i Greci ed i Romani ritennero i più belli e straordinari artifici dell’intera umanità.

Storia
Anche se erano stati compilati altri elenchi più antichi, la lista canonica deve risalire al III secolo a.C., poiché comprende il Faro di Alessandria, costruito tra il 300 a.C. e il 280 a.C., e il Colosso di Rodi, crollato per un terremoto nel 226 a.C..

01
Foto 1 di 7 (Clicca sulle frecce per vedere le altre foto)
Giardini pensili di Babilonia

Tutte costruite più di 2000 anni fa, furono contemporaneamente visibili solo nel periodo fra il 250 a.C. ed il 226 a.C.; successivamente andarono ad una ad una distrutte per cause diverse; solo l’imponente Piramide di Cheope, la più antica di tutte, sopravvive ancora oggi. Esse erano situate in Egitto (2), Grecia (2), Asia Minore (nell’attuale Turchia) (2) e Mesopotamia (nell’attuale Iraq).
Tra i testi conservati il più antico che nomina le sette meraviglie è una poesia di Antipatro di Sidone (Anthologia graeca, IX, 58) scritta intorno al 140 a.C..
Alle sette meraviglie è dedicata l’opera intitolata De septem orbis spectaculis, erroneamente attribuita a Filone di Bisanzio ma molto più tarda (probabilmente del V secolo d.C.).
Vengono anche chiamate le sette meraviglie classiche oppure le sette meraviglie antiche per distinguerle dalle sette meraviglie moderne proposte in tempi più recenti.

Nuove sette meraviglie del mondo naturali
La stessa società svizzera che ha organizzato l’evento del 7 luglio 2007 delle sette meraviglie del mondo moderno ha annunciato l’11 novembre 2011 le Nuove sette meraviglie del mondo naturali.
Le prime sono opere architettoniche, ovvero costruite dall’uomo, mentre le seconde sono solamente naturali.

01
Foto 1 di 7 (Clicca sulle frecce per vedere le altre foto)
La foresta amazzonica

Tra i vincitori, non vi è alcun sito del continente europeo, mentre ve ne sono ben tre dell’Asia e del sud America. Il Vesuvio ed il Monte Cervino, uniche rappresentanze italiane, dopo aver passato le eliminazioni di 440 siti, non sono riuscite ad entrare neanche nella top14, della quale facevano invece parte: Amazzonia, Baia di Ha Long, Le cascate dell’Iguazú, L’isola di Jeju, L’isola di Komodo, Il fiume sotterraneo di Puerto Princesa e La Table Mountain.

Le sette meraviglie del mondo moderno
Le nuove sette meraviglie del mondo sono sette opere architettoniche che idealmente richiamano l’antico elenco canonico delle sette meraviglie del mondo (risalente al III secolo a.C.). Il concorso per la selezione dei siti è stato organizzato da una società a scopo di lucro svizzera chiamata “New Open World Corporation” (NOWC) e l’iniziativa non è in alcun modo legata all’UNESCO.
Durante i Giochi della XXVII Olimpiade, svoltisi nel 2000 a Sydney, lo svizzero-canadese Bernard Weber lanciò un referendum mondiale via internet per determinare le “Nuove sette meraviglie del mondo” fra 17 opere architettoniche. L’iniziativa raccolse ben presto un enorme successo. La lista delle 17 opere candidate – in seguito a notevoli pressioni delle opinioni pubbliche dei Paesi di tutto il mondo – aumentò fino a superare il numero di 150, mentre la chiusura del sondaggio venne ripetutamente posticipata.

01
Foto 1 di 7 (Clicca sulle frecce per vedere le altre foto)
Grande muraglia cinese (Cina)

A partire dal 2004, i voti sono potuti pervenire anche via telefono o (in alcuni Paesi) via SMS. Durante i Giochi della XXVIII Olimpiade, Atene 2004, venne resa nota la nuova strutturazione dell’iniziativa. La prima fase della votazione, che comprendeva le 17 opere iniziali e le opere successivamente inserite, terminava il 24 dicembre 2005.
Le prime 77 opere in ordine di voti furono così sottoposte al vaglio di sette giudici internazionali (fra cui l’ex presidente dell’UNESCO Federico Mayor Zaragoza).[1] Tra le 77 candidate erano tre le costruzioni presenti in Italia: il Colosseo (4° più votato), la Torre pendente di Pisa (7° più votata), il Palazzo Ducale di Venezia (26°). Nella lista delle candidate erano presenti e classificate come costruzioni italiane anche la Basilica di San Pietro (61°) e la Cappella Sistina (69°), che tuttavia sorgono sul suolo della Città del Vaticano.[2]
Il 1º gennaio 2006, i sette giudici resero note le 21 opere “finaliste”[3] (fra cui l’unica antica meraviglia ancora esistente, le Piramidi di Giza, in seguito esclusa dalla votazione e nominata “Candidata onoraria”).[4]
La scelta ufficiale delle Sette Meraviglie del Mondo avvenne a Lisbona il 7 luglio 2007, scelta per la ricorsività del numero 7 (07/07/07).[5]
L’iniziativa era principalmente a scopo di lucro, poiché le selezioni erano svolte mediante voti gratuiti e a pagamento, via telefono o via internet. Su tali selezioni i primi voti erano gratuiti e riservati a membri registrati; i quali potevano successivamente guadagnare voti aggiuntivi da usare (per votare anche più volte lo stesso monumento), mediante pagamento di una somma alla NOWC. In aggiunta la NOWC si finanzia con donazioni private, vendita di prodotti (cappellini, maglie, ecc.) e con i ricavati sui diritti televisivi. Inoltre la stessa società promotrice non è classificata come “no-profit” o fondazione.
La società che ha curato il concorso, ha risposto alle critiche annunciando che impiegherà metà del denaro ricavato in questi anni per finanziare diverse opere di restauro, tra cui quella per la ricostruzione delle statue dei Buddha di Bamiyan in Afghanistan.[6]

Note
1^ (EN) Spain’s Federico Mayor Zaragoza appointed presiding judge on expert panel, New7Wonders.com.
2^ (EN) The Top 77 Nominees, New7Wonders.com.
3^ (EN) New 7 Wonders of the World campaign announces the 21 finalist candidates, New7Wonders Media Release.
4^ a b Le piramidi di Giza, New7Wonders.com.
5^ (EN) 07/07/07, New7Wonders.com.
6^ (EN) The New7Wonders Foundation & Campaign, New7Wonders.com.
7^ New 7 Wonders of the World finalists.


Scrivi un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento. Usa il box Collegami.