Menu Scrittori

Google+

Twitter

Fans
1017
Articoli
355
Commenti
3277
Membri

Festa del pene d’acciaio

In primavera si festeggiano pene e vagina
Il 15 marzo, come ogni anno, gli abitanti del piccolo villaggio di Komaki, a circa 400 km a sud di Tokio, celebrano la festa della fertilità chiamata Hounen Matsuri.
E’ primavera in Giappone e questo significa una cosa sola, anzi due. Festival del pene e festival della vagina. Può sembrare una gag e pure i turisti di mentalità più aperta arrossirebbero nel vedere la gente in parata trasportare statue giganti a forma fallica mentre si succhiano lecca lecca a forma di pene o caramelle a forma di vagina, ma questi sono riti popolari antichissimi, del passato agricolo del Giappone e che dovrebbero garantire un buon raccolto e promuovere la fertilità della terra e quella degli uomini. Probabilmente, visto che il paese asiatico ha uno dei tassi di natalità più bassi del mondo (1,37 figli per donna), dovrebbero tenersi più festival del genere durante l’anno, considerato pure che secondo gli esperti la causa della bassa natalità è da attribuirsi alla stagnazione dei redditi e al cambiamento dei rapporti tra i sessi.

01
Foto 1 di 24 (Clicca sulle frecce per vedere le altre foto)

Il culto dei genitali
Il centro-sinistra di governo che è salito al potere l’anno scorso spera di rendere l’educazione dei figli più abbordabile dal punto di vista economico e ha deciso di aiutare le famiglie con un bonus di 280 dollari al mese per bambino. Nel frattempo, il festival dovrebbe fornire un po’ di respiro economico per le città ospitanti, una festa per i turisti stranieri e gli emigrati, una possibilità che i locali non possono lasciarsi sfuggire. Uno dei più noti festival del pene si svolge al santuario di Komaki Tagata, a circa 45 minuti da Nagoya, ogni 15 marzo. In un villaggio vicino, si tiene, invece, il festival della vagina la domenica precedente. Quest’ anno, che la festività è caduta il 14, ha un significato raro, che è il ritorno al culto dei genitali.

Fiumi di Sakè
Al festival della vagina di Hime no-Miya, i genitori vestono i loro figli, pregano per la salute dei neonati e festeggiano con saké, birra e spuntini a bizzeffe.In mattinata, i bambini portano una piccola vagina al santuario di Ogata. Poi, circa 40 uomini trasportano una vagina enorme fino al santuario per la sfilata principale. Il festival del pene il giorno successivo, attrae molti più i turisti stranieri e giapponesi – circa 100.000, secondo un opuscolo della kermesse che vengono ad ammirare sculture in legno o a comprare caramelle a forma di pene. L’evento clou è la sfilata di un enorme fallo scolpito, presieduta da sacerdoti shintoisti. Lungo la processione risuona la musica dei flauti di bambù e il canto degli uomini che trasportano a spalle questa gigantesca scultura di legno intagliato in un tronco di cipresso, precedentemente purificato,del peso di circa 3 quintali, che viene offerto al tempio come auspicio per un hounen, cioè un anno prospero e fecondo per i raccolti e per gli uomini.

Benedizioni Falliche
Subito dietro i musicisti, vengono le signore. Queste donne portano falli di legno lunghi 60 cm. e sono scelte per partecipare in questo ruolo per la loro età. Sono tutte 36enni, che in Giappone è considerata un’età sfortunata e che richiede necessariamente un intervento divino. Allo stesso modo, tutti gli uomini che portano il pene in processione, hanno 42 anni. Età considerata sfortunata per il maschio giapponese e che quindi richiede fatiche spirituali come trasportare un fallo gigantesco per le strade della propria città. Ci vogliono 60 uomini che lavorano a turni alternati per fornire questa offerta al santuario. Alla fine della giornata, si svolge invece il Mochi Nage, una tradizione antica come questa festa. Da un punto più alto alcuni uomini e donne gettano sulla folla i mochi (una palla di riso glutinoso) rosa e bianco. Dopo che l’Hounen Matsuri è finito, il fallo gigante viene conservato nel santuario. In realtà, c’è da dire che nessuno adora veramente quella scultura, ma si tratta solo di un’offerta agli dei e viene venerata in quanto tale. All’interno del luogo sacro ci sono anche piccoli falli intagliati donati da coppie o donne per ringraziare supposte benedizioni concesse. Questi oggetti vengono anche occasionalmente prestati alla gente che chiede una benedizione. Quindi se vi troverete in Giappone intorno al prossimo 15 marzo, partecipate alla festa e soprattutto, non arrossite…


Scrivi un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento. Usa il box Collegami.