Menu Scrittori

Google+

Twitter

Fans
1017
Articoli
355
Commenti
3277
Membri

Che differenza c’è tra la R cerchiata, il TM, la C e la D cerchiata?

Con tutti questi simboli c’è in effetti da confondersi ma dietro ognuno sta racchiuso un significato molto importante per ogni consumatore.

®
La R cerchiata deve essere apposta a fianco di un marchio che abbia già ottenuto la registrazione e che quindi sia stato accettato a tutti gli effetti. A rigore questo simbolo deve essere inserito solo sui prodotti che circolano nello stato nel quale il nome è stato registrato e non anche all’estero, per cui se si registra un marchio in Italia relativo ad un particolare vino la R potrà essere utilizzata solo sulle bottiglie che vengono prodotte e vendute in Italia mentre dovrebbe essere eliminata dalle bottiglie che circolano in altri stati. Purtroppo questo non sempre avviene, per cui l’informazione che si riceve a colpo d’occhio da un’etichetta non sempre corrisponde al vero, anche perché alcuni hanno la brutta abitudine di mettere la R anche se per quel marchio non è stata presentata alcuna domanda di registrazione.

TM
Il TM è un simbolo che normalmente viene posto a fianco di quei marchi per i quali è stata richiesta la registrazione ma che non l’hanno ancora ottenuta: è utilizzato molto nei paesi anglosassoni mentre da noi di solito si usa la R cerchiata sia per il marchio concesso che per il marchio allo stato di domanda.

©
La C cerchiata viene utilizzata in un settore del tutto diverso, per le opere che sono tutelate dalla legge sul diritto di autore ed è spesso seguita dal nome del titolare dei diritti e dall’anno in cui questi diritti sono stati acquisiti.

D
Infine, la D cerchiata, che in realtà è piuttosto rara, viene apposta a fianco degli oggetti per i quali è stato presentata una domanda di registrazione disegno o modello.

Per non incorrere nell’errore di adoperarli in maniera scorretta andando incontro anche a possibili sanzioni; ripetiamo quindi il significato della ® e di TM ed introduciamo la © e la D cerchiata.
Iniziamo con la R CERCHIATA (®) che viene apposta accanto ad un marchio; questo simbolo significa che quel marchio, segno distintivo di un prodotto o servizio, è già registrato presso l’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) o l’UAMI (Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno).
Ciò accade dopo circa 6-8 mesi dal deposito della domanda di marchio; da quel momento in poi, quel determinato marchio risulta registrato e avrà un numero di registrazione che lo contraddistinguerà. La registrazione, una volta avvenuta, avrà una data che corrisponderà a quella di deposito, cioè avrà effetto dalla data di presentazione della domanda di marchio. Chi utilizza il marchio registrato senza autorizzazione del suo titolare incorre nel reato di contraffazione.
Il simbolo TM è l’acronimo del termine inglese “trademark” e significa che è stata depositata una domanda di marchio ma non si è ancora concluso l’iter burocratico per ottenere la registrazione; il marchio è comunque tutelabile seppur con alcune limitazioni. Il simbolo potrà essere apposto accanto al marchio nell’attesa che da depositato diventi registrato.
Il simbolo C CERCHIATA (©) deriva dall’inglese “copyright” e viene impiegato per identificare il diritto d’autore; quando viene utilizzato vuol dire pertanto che lo scritto (o l’opera) sul quale è apposto, è coperto e tutelato dalla legge sul diritto d’autore. Ricordiamo che il diritto d’autore attribuisce al titolare di un’opera dell’ingegno il diritto di utilizzare e di sfruttare economicamente la sua creazione per tutta la vita e sino a 70 anni dopo la sua morte.
Infine il simbolo D CERCHIATA, usato di rado, identifica la registrazione di disegni e modelli che la legge tutela prendendo in considerazione l’estetica e l’aspetto ornamentale del prodotto. Via: ufficiobrevetti


Scrivi un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento. Usa il box Collegami.