Menu Scrittori

Google+

Twitter

Fans
1017
Articoli
355
Commenti
3277
Membri

Apple fa pubblicità ingannevole

Azione legale negli USA per l’iPhone: promessi più giga di quelli reali
Un quinto dello spazio dei dispositivi occupato dall’ultima versione del sistema operativo. Fin qui la Apple ha rifiutato di commentare.
New York – La Apple dovrà rispondere a un’azione legale che accusa il colosso americano di promettere più spazio a disposizione di quanto ce ne sia realmente sui suoi dispositivi iPhone, iPad e iPod. L’istanza è stata presentata all’inizio di questa settimana presso la Corte distrettuale della California del Nord e sostiene che dei 16 gigabyte dichiarati sui modelli più venduti, come gli iPhone, un quinto è occupato dall’ultima versione del software operativo.
Pubblicità ingannevole – La causa, presentata da due cittadini della Florida, accusa la compagnia di pubblicità ingannevole, visto che dichiara molto più spazio di memoria di quello effettivamente disponibile. Quando i possessori dei dispositivi esauriscono lo spazio, la Apple offre un servizio a pagamento mensile su iCloud. «Utilizzando queste truffaldine tattiche di business, la Apple offre meno spazio di quello pubblicizzato, solo per poi offrirsi di venderlo magari in un momento disperato, come quanto il consumatore sta cercando di salvare le foto della recita del figlio, di una partita di basket o di un matrimonio», si legge nella causa.
Gli avvocati che l’hanno presentata stanno cercando di ottenere lo status di class action, una causa collettiva, in base alle leggi della California sulla concorrenza sleale e la pubblicità ingannevole. Fin qui la Apple ha rifiutato di commentare. Via: scitech


Scrivi un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento. Usa il box Collegami.